Vermi Polmonari nel Gatto
Aelurostrongylus Abstrusus è uno dei più comuni parassiti polmonari del gatto e del cane.
Vermi Polmonari nel Gatto
Vermi Polmonari nel Gatto

I Vermi Polmonari nel Gatto e nel Cane sono portati dall’ingestione di lumache, topi , lucertole, rane, uccelli. Il contagio è possibile infatti solamente se l'animale esercita un’attività predatoria. Il parassita adulto vive nei bronchioli polmonari e nei dotti alveolari, dove le femmine depositano le loro uova. Dopo la schiusa delle uova, le larve migrano da bronchi e dalla trachea nella faringe da dove possono essere ingeriti e quindi eliminati con le feci.
Il veterinario può avere un primo sospetto di vermi polmonari in un gatto, in presenza di tosse cronica. Eventualmente una lastra potrà fornire indizi sulla presenza di parassiti (naturalmente sulla lastra non sono visibili i vermi, ma si noterà un'anomalia dei polmoni in seguito alla reazione infiammatoria).
La diagnosi effettiva di Vermi Polmonari nel Gatto e nel Cane, si potrà fare in seguito ad analisi coprologica per presenza di larve nelle feci (però non affidabile prima della 5a-6a settimana e solo parzialmente affidabile dopo 4 mesi dall’inizio dell’infezione) o di un lavaggio tracheale. Le larve si riconoscono grazie alla struttura caratteristica della parte finale.

La presenza dei vermi polmonari, comporta una continua irritazione per il corpo che porta ad infiammazioni della trachea, dei bronchi e delle vie respiratorie profonde. La reazione individuale dipende dalla quantità di vermi presenti nel tratto respiratorio. Può capitare che in caso di infestazione numericamente lieve, non si noteranno fastidi nel gatto.
Se però l'infestazione diventa importante, nell'animale manifesta tosse cronica, problemi respiratori, dispnea e crisi asmatiche.
In caso di Vermi Polmonari nel Gatto e nel Cane, si possono inoltre presentare scolo nasale e oculare ed uno stato di sofferenza generalizzata con notevole dimagrimento e si può anche arrivare alla morte, specie in caso di gravi forme fulminanti.
Talvolta è possibile una risoluzione spontanea della malattia che avviene quando si riduce il numero dei parassiti presenti. In questi casi, come dopo la risoluzione della patologia conseguente alla terapia, molto spesso permanere una forma di bronchite cronica eosinofilica.
Di fronte ad una infestazione parassitaria che colpisce organi vitali, è facile immaginare quanto l’organismo possa essere debilitato durante e dopo la crisi.
Per cui per migliorare la risoluzione dei Vermi Polmonari nel Gatto e nel Cane, oltre i normali trattamenti con antiparassitari che a volte devono essere obbligatoriamente ripetuti per diversi cicli, è importante e necessario ai fini di una guarigione e per fronteggiare gli strascichi, depurare e sostenere l’organismo del gatto, con prodotti naturali come: Fitoterapici, Omeopatici e Integratori ecc.. 

Grazia Foti
Naturopata



Vermi Polmonari nel Gatto