FIDO NON SI FIDA
Un abstract del libro di Stefano Apuzzo e Edgar Meyer
Scatolette e croccantini accorciano la vita ai nostri amici animali, sono responsabili di tantissime patologie: ogni qualvolta un animale domestico mangia una ciotola di alimento per cani ad alto contenuto di zuccheri, carboidrati e cereaki, viene portato di quel tanto piu' vicino al diabete, al sovrappeso, al nervosismo, alla cataratta, all'allergia e alla morte. Per fortuna il nostro paese mantiene viva l'usanza di alimentare gli animali domestici con cibi preparati in casa o con avanzi di cucina.
Fido non si Fida
Basta Vaccini nei Gatti e nei Cani

La percentuale di penetrazione del mercato dei mangimi, nei prossimi anni, e' destinata a incrementarsi. Il mercato da spartirsi fattura circa 2.000 miliardi di lire l'anno. I principali parametri per la produzione sono due: il profitto dei produttori e il risparmio dei consumatori. La salute e' in secondo piano. Per questo le multinazionali di cibo industriale per cani e gatti non risparmieranno campagne pubblicitarie aggressive, promozioni, fusioni ed acquisizioni, elargizioni ad associazioni di zoofili, cinofili, veterinari e riviste specializzate.

Sottoprodotti della carne, si legge spesso sulle etichette. In realtà e' un termine non appropriato perche' questi sottoprodotti contengono pochissima carne o non ne contengono affatto. Sono parti dell'animale avanzate dopo che la carne e' stata ritagliata dalla carcassa. Quelli del pollo includono la testa, le zampe, le interiora, i polmoni, la milza, i reni, il cervello, il fegato, lo stomaco, il naso, il sangue e l'intestino svuotati del loro contenuto. Le norme dicono che i sottoprodotti non possono includere carne malata o contaminata.

Zucchero amaro Zucchero di polpa di barbabietola, saccarosio (zucchero da tavola), sciroppo di granoturco (un derivato dell'amido di granoturco) e melassa sono i dolcificanti piu' utilizzati nell'industria alimentare per animali da compagnia. I produttori di mangimi per gatti li usano per indurli a mangiare cibi secchi. Per loro natura i gatti li eviterebbero, preferendo carne fresca. Lo sciroppo di granoturco e' anche conosciuto e approvato come un efficace "umettante e plastificante", ovvero come ingrediente che da' al prodotto umidita' e flessibilita'. Questi ingredienti causano il caos negli animali domestici. Producono gli stessi alti e bassi dello zucchero da tavola sugli uomini, e un grande stress al pancreas e ai reni, condizioni che possono portare al diabete. Lo sciroppo di granoturco diluisce altri nutrienti vitali nella dieta fornendo calorie vuote prive di vitamine, minerali, proteine o grassi, e puo' anche sovrastimolare la produzione di insulina e succhi digestivi acidi.

I Grassi Rancidi e ricchi di conservanti sono molto difficili da digerire e possono causare gravi problemi di salute. Disordini digestivi, in particolare vomito di bile o cibo, diarrea, gas e respiro affannoso, sono alcuni degli effetti piu' visibili. Se somministrate ai cuccioli, queste sostanze possono causare problemi cronici di digestione e assimilazione. Negli ultimi anni la principale componente dei grassi per alimentazione animale e' il grasso avanzato dalla ristorazione umana.
Solitamente e' conservato all'aperto per settimane ed esposto a temperature estreme con nessun riguardo per il suo futuro impiego. I cosiddetti "mescolatori" lo ritirano e lo mescolano, con altri tipi di grasso, lo stabilizzano con potenti antiossidanti per ritardare ulteriore deterioramento e quindi lo vendono a industrie di mangimi per animali domestici. Questi grassi sono spruzzati direttamente su grani grossi essiccati o palline estruse per rendere appetibile un prodotto altrimenti indifferente o disgustoso. Il grasso agisce anche da agente coagulante, al quale i produttori aggiungono altri intensificatori di gusto come i digest. Gli studiosi di alimentazione per animali domestici hanno scoperto che gli animali amano il sapore di questi grassi spruzzati. Spesso si ignora che l'eccesso di alimentazione grassa causa danni, anche gravi, al fegato dei cani ed all'attivita' epatica.

Appetizzanti: Questi sono i piu' usati intensificatori di appetibilita' per rendere appetibili i cibi industriali per cani e gatti: Digest Lisina a T Olio/polvere di cipolla Aglio, olio/polvere di aglio Acido fosforico Acido cloridrico Saccarosio, destrosio, melassa di canna Spezie Lievito acidificato Glutammato monosodico (dannoso alla salute, puo' provocare Crisi d'ASMA) Additivi sintetici o chimici nella scatoletta.

Le Farine di Pesce sono prodotte con scarti dell'industria ittica, cioe', prima di tutto, teste, lische, squame, interiora. Nei pesci del Mediterraneo, tonni e pesce spada, ma anche lucci, sarde americane e sogliole, e' stata trovata una concentrazione di metilmercurio superiore a 1200 ng/Kg. Le pinne e la carne di squalo, di cui l'Italia e' il primo importatore europeo, hanno quantita' di mercurio 40 volte superiori alla percentuale considerata pericolosa per l'uomo. Il consumo di 200 grammi di pesce contenente 500 ng di mercurio/Kg comporta l'assorbimento di 100 ng di mercurio, la meta' della dose settimanale tollerabile provvisoria definita per gli umani dall'OMS, Organizzazione Mondiale della Sanita'. Il mercurio e' usato dall'industria per relais, interruttori, termostati, sensori, circuiti stampati, lampade, telefonini e apparecchi medicali. Ogni anno nel mondo vengono rilasciate nell'ambiente circa 3.000 tonnellate di mercurio.

Formalina. Quando vennero fuori i cibi umidi, immaginammo che dovessero avere conservanti molto forti dato che non necessitavano di refrigerazione. 
Molti, infatti, usano la formalina (utilizzata anche per conservare i cadaveri, NdA). 
La formalina e' un conservante talmente buono che gli imprenditori ne usano tanta." Thomas A.Chew Newland, veterinario, USA. "Ogni qualvolta un animale domestico mangia una ciotola di alimento per cani ad alto contenuto di zuccheri, viene portato di quel tanto piu' vicino al diabete, al sovrappeso, al nervosismo, alla cataratta, all'allergia e alla morte." R. Geoffrey Broderick, veterinario, USA Fegato Il fegato di vitello e' tra i piu' malsani, viene reso anemico al fine di produrre la carne bianca che tanto attira le massaie sprovvedute.

Agente Orange nelle scatolette? Pesticida o conservante? Troviamo intere campagne pubblicitarie di cibi industriali che puntano esclusivamente sulla semplicita' del dosaggio e della somministrazione. Tipo: basta una volta al giorno, pasto completo, senza bisogno di cucinare, basta aprire una scatola o una scatoletta. I proprietari di cani e gatti sono molto sensibili a richiami del "subito pronto", del pacco scorta da mettere in dispensa certi di economizzare, e spesso non s'interrogano sui contenuti. I grassi, negli alimenti per animali da compagnia, contengono conservanti sintetici o naturali e cioe': l'etossi-diidro-trimetilchinolina, l'idrossianisolo butilato e l'idrossitoluene butilato. Questi conservanti sono largamente impiegati non solo per preservare i grassi ma anche per stabilizzare l'intero prodotto. I conservanti sintetici includono idrossianisolo butilato e idrossitoluene butilato, gallato di propile, propilenglicole, anche usato come versione meno tossica di antigelo, e etossi-diidro-trimetilchinolina. Per questi antiossidanti vi e' scarsa informazione circa la tossicita', sicurezza o uso cronico in mangimi per animali domestici. Il conservante etossi-diidro-trimetilchinolina, introdotto negli anni '50 come stabilizzatore della gomma ed erbicida, molto simile all'Agente Arancio, era un defoliante impiegato dagli americani nella guerra del Vietnam. 

Le Lattine Sigillate sono posizionate in appositi contenitori e sterilizzate. Cerchiamo in etichetta informazioni sul processo di cottura del prodotto e sulla composizione nutrizionale attraverso i singoli elementi. Quest'ultima dovrebbe essere valutata e misurata dopo e non prima della cottura. Molti alimenti per cani sono cotti a temperature elevate per sterilizzare gli ingredienti di scarto ed i sottoprodotti. Questo trattamento distrugge il valore nutritivo. Le vitamine e gli amminoacidi, essenziali per la salute, sono particolarmente sensibili al calore. Le vitamine e i probiotici non sono esposti al calore, essi sono aggiunti solo dopo la cottura. Cereali ammuffiti e scarti di produzione sono piu' convenienti per il produttore, possono pero' causare micotossicosi, una malattia potenzialmente mortale. I cereali dovrebbero apparire come "interi". Le "bucce", invece, i "macinati" e "sottoprodotti", non sono che lo scarto dell'industria alimentare umana che ne ha gia' utilizzato le parti nutritive.

Non solo farmaci, coloranti, cosmetici e prodotti chimici. Su cani e gatti l'industria sperimenta gli stessi cibi a loro destinati. Sono stati denunciati dal "Sunday Express" esperimenti di laboratorio per conto della IAMS (proprieta' della multinazionale Procter & Gamble e responsabile del marchio Eukanuba) su cani e gatti, alcuni dei quali sono stati mutilati ed uccisi. Nessuno puo' dire con esattezza se gli esperimenti condotti tra il 1991 ed il 2000 proseguano o meno. Il "Sunday Express" riferisce: "a ventiquattro cani e' stato asportato il rene destro e il sinistro e' stato parzialmente danneggiato per studiare come le proteine agiscono su cani colpiti da danni renali. Otto cani sono stati uccisi per analizzare i tessuti renali. I cani con evidenti segni di malattia non venivano curati perche' cio' avrebbe inficiato la natura degli esperimenti". A ventiquattro cani, adulti, giovani e femmine gravide, e' stato indotto un danno renale acuto: si e' proceduto incidendo l'addome, rimuovendo un rene e distruggendo il 75% del rene superstite, riducendo l'apporto di sangue necessario, lasciando gli animali con un ottavo della normale funzionalita' renale. Come e' noto, i danni renali causano diverse dolorose conseguenze. Il rene impossibilitato a svolgere il normale filtraggio del sangue dalle sostanze nocive e dalle tossine porta all'avvelenamento dell'animale. Sono stati studiati cani sofferenti con seri danni renali per quattordici mesi. Ai cani che si disidratavano venivano reimmessi fluidi senza altro trattamento. Quattro cani sono stati soppressi durante l'esperimento.

Grazia Foti
Naturopata

Basta Vaccini nei Gatti e nei Cani